Famiglia del mulino bianco vs buondì motta?

La famiglia del mulino bianco continua la sua sovraesposizione mediatica essendo costantemente rappresentata in tv, spot e cinema nel rispetto suoi elevatissimi standard di perfezione, felicità e bellezza che tutti conosciamo.

Sono in molti che almeno una volta nella vita hanno cercato di ricrearne le dinamiche ma in pochi, per non dire nessuno, ci sono riusciti davvero.

I brand ci hanno insegnato che la famiglia del mulino bianco è “perfetta” per definizione sia nell’estetica che nelle relazioni e con abile manipolazione sono stati capaci di farci dimenticare che spesso è proprio in famiglia dove accadono i delitti più efferrati.

Sorrisi, abbracci, coccole e buondì sono le parole magiche usate per indurci all’acquisto di questo o quel prodotto per portarci a credere che basta poco per essere allegri, sorridenti e perfetti, anche nell’amare.

Motta recentemente ha cambiato il copione con uno spot dove si narrano gli eventi di una mamma e un papà disintegrati da un asteroide sotto gli occhi della propria figlia.

La nuova campagna pubblicitaria è stata fonte di svariate polemiche ma a noi di 2houses è piaciuta. Lo spot è divertente e apre la strada ad nuovo moodo di comunicare e di pensare alla famiglia che ci pare più coerente e in linea con i cambiamenti cui anche la società Italiana sta andando incontro.

Il mondo si è evoluto, lo abbiamo scritto tante volte, e la rivoluzione digitale in corso ha introdotto, anche nei rapporti in famiglia, importanti novità.

Nonostante l’evidenza del cambiamento sembra però che i “comunicatori” facciano fatica a parlare di “separazione” e “divorzio” e stentino a considerare l’evento come un semplice accadimento della vita che può essere narrato e, a volte, anche col sorriso.

Sono pochi i brand che hanno scelto di parlare del fallimento di un genitore separato, le sue storie, difficoltà e perchè no dell’importanza di sbagliare. Purtroppo è idea comune che un genitore separato sia triste, solo e povero…

I grandi marchi continuano ad essere legati all’idea della famiglia tradizionale, quella che si rappresenta da circa 20 anni nello stesso modo, dove tutti sono uguali, sorridenti e belli oltre che dello stesso colore della pelle!

Rari i leader e innovatori nel DNA, tra questi Ikea e pochi altri, in grado di capire e valorizzare il valore dello storytelling del dopo e della realtà reale.

in Italia ci sono quasi 3 milioni di persone separate e le coppie che si separano sono oltre 80.000 all’anno in crescita costante! Inutile dire, cari comunicatori, che siamo un numero importante e che rappresentiamo uno spaccato della società civile.

Forso non è chiaro ai più che i genitori separati o divorziati non sono tutti tristi, difettosi, depressi e senza speranze!

Ci faceva piacere sottolinearlo con la speranza che anche altri “illuminati” riscoprano il gusto valicare gli stereotipi per scoprire che non tutte le famiglie separate rispondono all’identikit tanto caro ai media dove l’uomo separato vive in auto e la donna, sedotta e abbandonata, a stento riesce a preparare un piatto di pasta per i propri figli.

Ikea già nel 2016 in UK racconta le 2 case di un bambino con genitori separati in questo spot e lo fa in maniera naturale così com’è naturale che un bimbo che ha due genitori che non vivono più assieme possa sentirsi meglio se in entrambe le case ha la fortuna di ritrovare le stesse identiche cose.

Spiace dover ricordare che è proprio l’ideale di famiglia del mulino bianco che porta i matrimoni a sfasciarsi dato che oggi lo stereotipo di perfezione proposto dai media non fa altro che aumentare frustrazione e insoddifazione verso il partner.

La famiglia ideale vive serenamente solo negli spot e in tv!

Restiamo in attesa di qualcuno che sia in grado di raccontare al meglio la rinascita, la bigenitorialità, il vissuto di genitori che, nonostante gli sforzi imposti da una separazione o divorzio, sono felici della propria scelta e camminano a testa alta con uno sguardo positivo rivolto al futuro.

Ben vengano insomma partnership,aziende e persone coraggiose che abbiano la forza di imporre ai media una rappresentazione di una realtà famigliare vera in tutto il suo essere diversa dallo stereotipo borghese e bacchettone di cui la società italiana è pregna.

Siamo alla ricerca di pionieri e innovatori così come lo è stata Costa Crociere nel coinvolgere 2houses e GenGle nell’organizzazione della Prima crociera per Genitori Single in Italia

Se anche TU sei fra questi coraggiosi contattaci!

 

Prova gratis 2houses

14 giorni di prova gratuita per una comunicazione "stress free" !

Iniziamo!

Accesso

Email o password invalide

Crea un account con il mio indirizzo email
per iniziare